Prodotti liquidi

Quando si può usare DERBIPRIMER?
I primer si utilizzano per promuovere e facilitare l'adesione di membrane e sigillanti bituminosi su substrati porosi o altamente assorbenti. Ad esempio nel caso del calcestruzzo, metallo e vecchie impermeabilizzazioni bituminose con alcuni rivestimenti (es. ardesiato)
Qual è il tempo di asciugatura di DERBIPRIMER S o GC?
In generale, un tempo di asciugatura è compreso tra le 2 e le 4 ore a seconda delle condizioni atmosferiche e delle temperature. In tutti i casi, attendere almeno 6 ore prima di procedere con l'applicazione della membrana bituminosa
Qual è la differenza tra DERBIPRIMER S, GC ed E?
"DERBIPRIMER S, GC ed E - sono tutte vernici impregnanti a freddo bituminose la cui differenza sta nella formulazione e nelle proprietà specifiche. DERBIPRIMER S: vernice impregnante a base solvente, che ha un tempo di asciugatura indicativo di 3 ore, considerando sempre le condizioni atmosferiche e le temperature. Il DERBIPRIMER S deve essere applicato su un supporto asciutto. DERBIPRIMER GC: vernice impregnante sviluppata appositamente per le opere di ingegneria civile come ponti e parcheggi. Il tempo di asciugatura varia da 1 a 3 ore. DERBIPRIMER E: vernice impregnante a base di emulsione ad acqua a tutela dell'ambiente. Il tempo di asciugatura varia tra le 5-6 ore a seconda del substrato e delle condizioni meteorologiche."
Con quali strumenti deve essere applicato DERBIPRIMER?
Dopo aver pulito e sgrassato il supporto, il DERBIPRIMER può essere applicato utilizzando un rullo da vernice, un pennello o con airless. In quest'ultimo caso, verrà utilizzato un ugello 18/50 nel caso del DERBIPRIMER S, e un ugello 43/50 per il DERBIPRIMER GC .
È possibile utilizzare il DERBIBOND per le saldature/giunzioni dei teli?
No, gli adesivi a freddo DERBIBOND non possono essere utilizzati per saldare le membrane. Le sormonte sono saldate a fiamma ed opportunamente pressate utilizzando un rullo metallico di +/- 13 kg. Nelle applicazioni "No Flame", dove l'uso della fiamma è ridotto o addirittura vietato, le giunzioni delle sormonte possono essere realizzate sia con aria calda che con DERBISEAL S.
È possibile utilizzare il DERBIBOND per i risvolti verticali?
No, perché i collanti DERBIBOND sono colle liquide bituminose. Per i risvolti verticali, è essenziale utilizzare la fiamma o l'aria calda. Tuttavia, se è vietato utilizzare la fiamma o l'aria calda, è possibile utilizzare il DERBISEAL S che è stato sviluppato appositamente per la realizzazione al 100% di tetti a freddo, senza alcun ricorso a fiamme libere o ad aria calda. Eventualmente i risvolti verticali possono essere anche fissati meccanicamente sotto cimosa, se il tipo di membrana ha un'armatura adatta al tipo di vincolo (armature in poliestere).
Il DERBIBOND può essere utilizzato per l'incollaggio di accessori?
No, gli adesivi DERBIBOND possono essere utilizzati solo per l'incollaggio a freddo di membrane bituminose. Per l'incollaggio di accessori come il CANTSTRIP ed altri bisogna usare prodotti specifici (es. DERBISEAL S)
È possibile utilizzare DERBIBOND per incollare gli isolanti?
No, gli adesivi DERBIBOND possono essere usati solo per l'incollaggio delle membrane. Il DERBISEAL S può essere utilizzato per l'incollaggio degli isolanti. Il DERBISEAL S è una colla appositamente studiata per questo scopo. Date le condizioni ed i rivestimenti specifici di alcuni isolanti, è meglio chiedere consiglio preventivamente ai nostri DAC o al nostro ufficio tecnico.
Fino a che pendenza massima è possibile utilizzare DERBIBOND NT?
La tecnica di incollaggio a freddo con DERBIBOND NT è valida per pendenze inferiori al 10% o 8 gradi.
Possiamo usare DERBIMASTIC S per incollare gli isolanti?
No, si deve evitare l'uso di DERBIMASTIC S per incollare gli isolanti. Per l'incollaggio di alcuni isolanti, è possibile utilizzare il DERBISEAL S che è stato appositamente sviluppato per questo scopo. Date le caratteristiche specifiche di ciascun isolante ed i suoi rivestimenti, si consiglia di richiedere maggiori informazioni ai nostri DAC o al nostro ufficio tecnico.
Quando si utilizza DERBIMASTIC S?
"Il DERBIMASTIC S è l'ideale per la sigillatura di alcuni elementi uscenti dalla copertura. Grazie alla sua speciale composizione, una volta ""asciugato"" creerà una pelle esterna, restando viscoso internamente. Questa plasticità lo rende perfetto per assorbire anche le piccole dilatazioni termiche possibili. Inoltre, DERBIMASTIC S può essere utilizzato per l'incollaggio di scarichi di acque piovane, impermeabilizzazioni e bordi del tetto, profili ferma-guaina, tubi di ventilazione, ecc. Il DERBIMASTIC S non può essere utilizzato per l'incollaggio di pannelli isolanti. In questo caso, useremo DERBISEAL S."
Quale quantità (kg / m2) di DERBISEAL dovrebbe essere utilizzata per l'incollaggio dell'isolamento?
Tutto dipende dal tipo di isolamento in questione, ma per gli isolanti compatibili è possibile tenere conto delle seguenti informazioni: quantità minima di 750 g / m2 nella zona centrale e 1250 g / m2 nelle zone di bordo e d'angolo. Per indicazioni specifiche, l'ufficio tecnico e/o i DAC possono indicare specificamente le quantità, previo calcolo dell'azione del vento sulla specifica copertura.
Come si può applicare DERBISEAL S?
Per l'applicazione di DERBISEAL S, utilizzare una cazzuola da muratore. I posatori possono usare anche una pistola manuale K2 o una pistola pneumatica MASTIC GUN K4. Per i siti più grandi, è possibile utilizzare la pompa a vite K15.
Come pressare il DERBISEAL S nelle sormonte?
Per la pressatura delle sormonte con DERBISEAL S, verrà utilizzato un rullo di pressione di +/- 13 kg. Queste sovrapposizioni saranno di 12 cm.
Quanti strati di DERBIZINC si devono applicare?
"Prima dell'applicazione di DERBIZINC, si consiglia di pulire adeguatamente il supporto e sgrassarlo con uno sgrassatore convenzionale (ad es. Acetone - no acquaragia). DERBIZINC viene applicato sempre in 2 strati dove verrà osservato un tempo di asciugatura di 24 ore (a seconda delle condizioni atmosferiche) tra gli strati."
Quando è necessario rinnovare l'applicazione di DERBIZINC?
Il tempo di rinnovo dipende naturalmente dalla natura dell'ambiente circostante e dalle condizioni atmosferiche, ma in generale, possiamo dire che dobbiamo pianificare l'applicazione di un nuovo strato ogni 2 o 3 anni.
Qual è il tempo di asciugatura del DERBIFILL S?
In generale, possiamo stimare il tempo di essiccazione di DERBIFILL S a 24 ore, ma questo valore dipende anche dalla natura dell'ambiente circostante, dalle condizioni atmosferiche ma anche dallo spessore del prodotto applicato.
Il DERBIFILL S può essere utilizzato come strato di sigillatura finale?
No, il DERBIFILL S non può essere utilizzato come strato di sigillatura finale. Dopo aver riempito le irregolarità del supporto con DERBIFILL S, si deve applicare uno strato di membrana DERBIGUM.
Il DERBIFILL S può essere utilizzato per la correzione delle planarità di ampie aree?
No, il DERBIFILL S non è stato sviluppato per livellare grandi aree. Non può quindi essere un sostituto per un calcestruzzo pendenzato sul tetto. In generale, si può utilizzare DERBIFILL S per livellare le parti del tetto con un'area di qualche mq. In caso di necessità consiglia di contattare l'ufficio tecnico Derbigum per assistenza tecnica.
Come deve essere applicato DERBIFILL S?
Il DERBIFILL S può essere semplicemente applicato con una cazzuola. È importante pulire correttamente l'area da trattare prima di applicare DERBIFILL S.
Qual è il tempo di asciugatura di DERBISILVER?
Sebbene dipendente dalle condizioni atmosferiche, il tempo di asciugatura del DERBISILVER è solitamente di circa 6 ore.
Quanto durano DERBISILVER S / DERBISILVERTOP S / DERBILIQUID S?
In generale, possiamo contare su una durata compresa tra 3 e 5 anni. Tuttavia, questa durata varia molto a seconda delle condizioni atmosferiche, della natura dell'ambiente circostante (ambiente inquinato o meno), dagli strati del tetto e dalle sue pendenze
Con quale temperatura esterna posso usare DERBIBOND?
Gli adesivi DERBIBOND possono essere utilizzati con una temperatura esterna superiore ai 5° C.

Applicazione

Quali sono i vantaggi di un sistema monostrato?
L'applicazione di un sistema monostrato è ideale per:
- Ristrutturazioni
- Applicabile a fiamma o colla a freddo
- Ha l'approvazione tecnica ATG
- Posa veloce
- Comprovata longevità di oltre 30 anni
- Si può applicare su molteplici superfici
Quali sono i vantaggi della posa a freddo?
- Riduce al minimo il rischio di incendio
- Tecnica facile, veloce ed efficiente
- Mantiene la qualità e lo spessore della membrana
- Possibilità di regolare la membrana durante l'installazione
- Adesione omogenea e uniforme dell'intera membrana
- Riempie le crepe, e appiana le irregolarità delle vecchie coperture
Dell'acqua brunastra scorre dal mio tetto, qual è la sua origine e come può essere evitata?
I tetti bituminosi, in determinate condizioni, rilasciano particelle di bitume che hanno l'effetto di imbrunire l'acqua recuperata. La soluzione a questo problema è molto semplice e consiste nell'applicare uno strato di vernice protettiva (DERBIPAINT E per esempio) sull'impermeabilizzazione bituminosa.
Con quali condizioni atmosferiche può essere applicato DERBIGUM?
"Il DERBIGUM può sempre essere posato purché non piova. Il supporto deve essere sempre perfettamente asciutto. Quando si lavora con DERBIBOND (colla a freddo), è necessario che ci sia una temperatura minima di 5 ° C."
Quando il DERBIGUM può essere applicato su un supporto in cemento?
"La regola generale è che il substrato deve essere maturato ed asciutto al fine di evitare problemi di condensa che porterebbero ad una mancanza di adesione tra la membrana e il supporto L'indurimento e l'essiccazione di un calcestruzzo dipendono naturalmente dalla sua composizione e dalle condizioni atmosferiche. (Vedi norme di riferimento per il CLS).
Tuttavia, si considera che un calcestruzzo è pronto per essere impermeabilizzato dopo circa 4 settimane dalla sua installazione. In caso di dubbio, potrà essere contattato un tecnico specializzato in grado di valutare l'umidità residua con un dispositivo di misurazione."
Qual è la pendenza minima che deve avere un tetto piano?
In Italia, per un tetto piano è necessaria una pendenza minima dell' 1%. Questa pendenza può essere ottenuta inclinando la struttura o utilizzando pannelli isolanti di pendenza integrati. La norma UNI 8178-2 indica specificamente le pendenze minime in funzione del tipo di supporto e membrana.
L'impermeabilizzazione del mio tetto ha delle piccole fessure e/o screpolature. Cosa dovrei fare?
"Premesso che non devono essere presenti evidenti danneggiamenti o discontinuità che creano infiltrazioni, si possono applicare rivestimenti liquidi bituminosi (DERBILIQUID S o DERBISILVERTOP), appositamente sviluppati per la rigenerazione di vecchie impermeabilizzazioni bituminose.
DERBILIQUID S è un rivestimento bituminoso nero. DERBISILVERTOP Spray è un rivestimento bituminoso che come suggerisce il nome è di color argento. Offre le stesse prestazioni del DERBILIQUID S, ma grazie al suo colore riflettente, abbassa la temperatura superficiale rendendo la copertura calpestabile anche nei mesi più caldi dell'anno."

Membrane e applicazione

Come possiamo riconoscere la faccia superiore del DERBIGUM biarmato?
Le membrane DERBIGUM SP, GC ed NT vengono realizzate posizionando il velo di vetro rinforzato sulla parte esterna della membrana. La sua struttura è visibile e la faccia talcata è quella intradossale.
Qual è il prodotto impermeabile necessario per un tetto verde?
Si possono utilizzare le nostre membrane specifiche per questo tipo di utilizzo come il DERBIGUM SP AR e il DERBIGUM GC AR

Strumenti di applicazione

È possibile noleggiare le pompe K2 e K4?
No, il noleggio di queste pompe è riservato ai nostri applicatori approvati perché il loro uso richiede esperienza e capacità

Varie

Cos'è un tetto caldo?
"In un tetto caldo l'isolamento è posizionato sotto allo strato impermeabile. Una barriera vapore (a seconda della classe climatica specifica del tetto) è installata sul supporto del tetto, all'intradosso dell'isolante per evitare che lo stesso possa assorbire nel tempo il vapore acqueo ascendente proveniente dallo stabile (DERBICOAT + DERBIGUM SP-FR o solo DERBIGUM SP-FR, a seconda del tipo di isolamento). Lo shock termico sul rivestimento impermeabilizzante è molto importante per i tetti caldi. Poiché il punto di fusione di DERBIGUM SP-FR è superiore (> 150 ° C), è ideale per coperture a caldo."
Cos'è un tetto freddo?
"Un tetto freddo ha un vuoto dove circola l'aria esterna e questo tra il supporto superiore del tetto e l'isolamento termico. È un sistema obsoleto e può causare danni significativi, a seguito di condensa. Questa condensa può provocare l'usura di supporti per tetti sensibili all'umidità. Questo è il motivo per cui questo sistema non è raccomandato."
Cos'è un tetto rovescio?
"Su un tetto rovescio, il rivestimento impermeabile è posto (direttamente) sul supporto, l'isolamento termico si posa sulla membrana impermeabilizzante.
La soluzione standard consiste nell'utilizzare pannelli in polistirene estruso XPS impermeabile all'acqua con ghiaia o lastre (posizionate con o senza supporti per solai) sovrastanti.
Il peso della zavorra deve essere sufficiente per impedire il sollevamento sotto l'azione dal vento dei pannelli isolanti. La zavorra protegge anche i pannelli isolanti dai raggi UV.
Ancor più che per un tetto caldo, la pendenza deve essere sufficiente (> 2%) per consentire un'evacuazione ottimale dell'acqua e per evitare perdite di calore dovute alla presenza di acqua e al rischio di condensa interna."
Come si effettua la manutenzione della copertura in DERBIGUM?
Per garantire una corretta manutenzione del vostro tetto, DERBIGUM ha redatto un manuale di manutenzione per il tetto piano. In questo modo, sarai in grado di procedere con le misure necessarie per una corretta manutenzione ordinaria.
Cosa significa BROOF (t1 e t2) in base alla classificazione europea?
"Parlando di classe BROOF (t1 e t2) secondo la legislazione europea, parliamo di una resistenza al fuoco di una stratigrafia secondo la norma di classificazione EN 13501-5 (che si riferisce allo standard ENV di prova). 1187-1) L'introduzione del criterio BROOF (t1 e t2), prevede un test antincendio sull'intera stratigrafia, incluso l'isolamento, dimostra che la vecchia classe A1 non è un criterio sufficientemente pertinente per le valutazioni specifiche antincendio del tetto."